La prima DOC di vitigno bianco del Piemonte,  istituita già nel 1967 e modificata nel 1998; comprende principalmente il comune di Caluso in provincia di Torino. Storicamente il vitigno è stato portato dai Romani quasi duemila anni fa, ed ha trovato il giusto habitat nelle colline torinesi che guardano la Val d’Aosta, soleggiate e sottoposte ad un buon sbalzo termico tra la notte ed il giorno. Gli acini assumono in autunno riflessi caldi e rosati che si fanno man mano più intensi e quasi color ambra nella parte superiore esposta al sole, in particolare nel momento in cui inizia a sorgere il sole che li colpisce obliquamente con i suoi raggi. Questa, molto probabilmente, è la ragione del suo nome che in origine era Alba Lux, ossia Luce dell’Aurora, poi trasformatosi in Erbaluce.

Ad oggi La denominazione Erbaluce di Caluso o Caluso DOCG rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Piemonte. La denominazione Erbaluce di Caluso o Caluso DOCG include le province di Torino e Vercelli ed è stata creata nel 2010.

I vigneti Calusiesi, grazie alle particolari condizioni del terreno e ad un clima assai propizio consentono di ottenere un vino unico ed inconfondibile nel panorama dei vini bianchi. Il suo colore è giallo paglierino, ha un profumo che richiama i fiori di campo, il suo sapore è fresco e secco. Si abbina perfettamente ad antipasti, risotti, carni bianche e piatti di pesce. Può essere anche degustato durante l’aperitivo.

 

 

 TAG:       

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LASCIA UN COMMENTO